"Parcere parto": una "iunctura" virgiliana tra primitivismo e aspetti culturali