Generazione shuffle: incertezza e reversibilità, talenti e precariato