Ancora oggi il trattamento ideale della MC è un campo non chiarito sia per il medico che per il chirurgo. Non vi è ancora evidenza di una reale riduzione del tasso di interventi. La chirurgia gioca un ruolo di primo piano e non deve essere considerata più come ultima spiaggia; una chirurgia precoce può infatti consentire remissioni più rapide e più durature. Nuovi studi su grandi numeri, l’implementazione della strategia terapeutica e una migliore conoscenza della biologia della malattia potrebbero portare nel futuro a conclusioni attendibili.

Chirurgia e biologici nel management della malattia di Crohn.

CARISTO, GIUSEPPE;GIOVINAZZO, DAVIDE;PERINO, ENRICO;FORNARO, ROSARIO
2015

Abstract

Ancora oggi il trattamento ideale della MC è un campo non chiarito sia per il medico che per il chirurgo. Non vi è ancora evidenza di una reale riduzione del tasso di interventi. La chirurgia gioca un ruolo di primo piano e non deve essere considerata più come ultima spiaggia; una chirurgia precoce può infatti consentire remissioni più rapide e più durature. Nuovi studi su grandi numeri, l’implementazione della strategia terapeutica e una migliore conoscenza della biologia della malattia potrebbero portare nel futuro a conclusioni attendibili.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11567/821235
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact