Hobbes e Omero: una traduzione "politica"?