Laureati “puri” di primo livello: l’occupazione in molti casi c’è