Con solo 2500 ha di vigneti la Liguria è una delle regioni vi-tivinicole più piccole d’Italia, non solo per le dimensioni, ma anche per il caratteristico assetto geografico e geologico. Il paesaggio vitivinicolo ligure, tuttavia, è noto a livello in-ternazionale e rappresenta un eccezionale esempio di geomorfologia culturale: nel Medioevo la Liguria vantava il vino delle Cinque Terre, mentre negli statuti dei Comuni della Liguria di Ponente si descrive il Rossese di Dolceacqua. L’attuale produzione ligure è articolata in otto vini di qualità “DOC”, la cui definizione è connessa alle relative zone di produzione, distribuite tra il confine toscano e quello francese. Utilizzando una piattaforma GIS sono state valutate alcune preliminari correlazioni tra aree coltivate a vigneti e caratteristiche geologico-ambientali del territorio: i vigneti liguri insistono prevalentemente su versanti terrazzati posti fino a 400 m s.l.m, caratterizzati da suoli poco evoluti o bruni calcarei e con substrati rappresentate da ammassi rocciosi eterogenei come i flysch, marne e argilliti. La valorizzazione del terroir e del paesaggio vitivinicolo ligure può essere avviata con l’allestimento di specifici itinerari geo-enoturistici.

Aspetti geologico-ambientali e geomorfologici del paesaggio vitivinicolo ligure

BRANDOLINI, PIERLUIGI;FACCINI, FRANCESCO;FIRPO, MARCO;RELLINI, IVANO;
2014

Abstract

Con solo 2500 ha di vigneti la Liguria è una delle regioni vi-tivinicole più piccole d’Italia, non solo per le dimensioni, ma anche per il caratteristico assetto geografico e geologico. Il paesaggio vitivinicolo ligure, tuttavia, è noto a livello in-ternazionale e rappresenta un eccezionale esempio di geomorfologia culturale: nel Medioevo la Liguria vantava il vino delle Cinque Terre, mentre negli statuti dei Comuni della Liguria di Ponente si descrive il Rossese di Dolceacqua. L’attuale produzione ligure è articolata in otto vini di qualità “DOC”, la cui definizione è connessa alle relative zone di produzione, distribuite tra il confine toscano e quello francese. Utilizzando una piattaforma GIS sono state valutate alcune preliminari correlazioni tra aree coltivate a vigneti e caratteristiche geologico-ambientali del territorio: i vigneti liguri insistono prevalentemente su versanti terrazzati posti fino a 400 m s.l.m, caratterizzati da suoli poco evoluti o bruni calcarei e con substrati rappresentate da ammassi rocciosi eterogenei come i flysch, marne e argilliti. La valorizzazione del terroir e del paesaggio vitivinicolo ligure può essere avviata con l’allestimento di specifici itinerari geo-enoturistici.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/771419
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact