"Orestea", allestimenti e nuove questioni