Fra storia e allegoria: Ipazia in un romanzo egiziano contemporaneo