“In ogni tempo e in ogni luogo ci sarà sempre un’Antigone che dice no”: la magia della ritualità tra cultura popolare e dignità letteraria”