Architettura per la morte e morte dell’architettura: due riflessioni (quasi) slegate