Eugenio Montale, Proda di Versilia nel commento di Enrico Testa