Modelli tattili: una questione di rappresentazione