Bump, displacement e norml map: metodologie di rappresentazione a confronto