"Non chiediamo permesso, sfondiamo la porta". La letteratura e la favela