Questo volume costituisce la seconda parte di una ricerca che ha, tra i suoi obiettivi primari, la sperimentazione di nuove strategie per la messa a sistema e valorizzazione del patrimonio storico e ambientale italiano. Affrontare la complessità degli aspetti che concorrono a definire ciò che consideriamo bene archeologico e bene paesaggistico, ha richiesto una serie di scelte di campo molto insidiose: come coniugare termini quali conservazione e valorizzazione, tutela e sviluppo, vincolo e progetto? Il primo passo ha riguardato la definizione di alcuni modelli di gestione che potessero mettere in relazione diversi operatori, per verificare come, solo arrivando ad accumulare una massa critica significativa di forze e idee, fosse possibile organizzare una rete culturale capace di confrontarsi con il mercato del turismo e della fruizione dei beni storici. Quindi, se il primo libro ha focalizzato la sua attenzione sui sistemi software, senza i quali sarebbe impossibile gestire e valorizzare una qualsiasi porzione di territorio vasta, Archeonet II si occupa delle applicazioni hardware, ovvero dei progetti alla scala del paesaggio e dell’architettura, che danno forma alle strategie gestionali sviluppate nella prima parte della ricerca. Dopo essersi interrogati sul COSA fosse necessario fare, ora è il momento di indagare COME sia possibile dare concretezza a determinate scelte di indirizzo. Questo volume si organizza quindi in una serie di sezioni tematiche che, ancora una volta, allargano il campo rispetto alla visione settoriale del legislatore o del tecnico, presentando criticamente una serie di progetti realizzati e di proposte sperimentali che insistono su una labile linea di confine tra conservazione acronica e riuso in forme contemporanee, dimostrando come spesso questa coniugazione diventi possibile.

ARCHEONET II luoghi | azioni | progetti Una strategia per ridisegnare i paesaggi sensibili in Italia

GIBERTI, MASSIMILIANO;VALENTI, ALESSANDRO
2012-01-01

Abstract

Questo volume costituisce la seconda parte di una ricerca che ha, tra i suoi obiettivi primari, la sperimentazione di nuove strategie per la messa a sistema e valorizzazione del patrimonio storico e ambientale italiano. Affrontare la complessità degli aspetti che concorrono a definire ciò che consideriamo bene archeologico e bene paesaggistico, ha richiesto una serie di scelte di campo molto insidiose: come coniugare termini quali conservazione e valorizzazione, tutela e sviluppo, vincolo e progetto? Il primo passo ha riguardato la definizione di alcuni modelli di gestione che potessero mettere in relazione diversi operatori, per verificare come, solo arrivando ad accumulare una massa critica significativa di forze e idee, fosse possibile organizzare una rete culturale capace di confrontarsi con il mercato del turismo e della fruizione dei beni storici. Quindi, se il primo libro ha focalizzato la sua attenzione sui sistemi software, senza i quali sarebbe impossibile gestire e valorizzare una qualsiasi porzione di territorio vasta, Archeonet II si occupa delle applicazioni hardware, ovvero dei progetti alla scala del paesaggio e dell’architettura, che danno forma alle strategie gestionali sviluppate nella prima parte della ricerca. Dopo essersi interrogati sul COSA fosse necessario fare, ora è il momento di indagare COME sia possibile dare concretezza a determinate scelte di indirizzo. Questo volume si organizza quindi in una serie di sezioni tematiche che, ancora una volta, allargano il campo rispetto alla visione settoriale del legislatore o del tecnico, presentando criticamente una serie di progetti realizzati e di proposte sperimentali che insistono su una labile linea di confine tra conservazione acronica e riuso in forme contemporanee, dimostrando come spesso questa coniugazione diventi possibile.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11567/537521
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact