Un confronto tra Modestino e Isidoro sulle facoltà della legge