Cavalleresco ed epico nel secondo “atto” della “Gerusalemme liberata” (canti IV-VIII)