"Ragione" e "volontà": Giovanni Boccaccio e la linea dell'elegia