L'ultimo Montale e l'ultimo Caproni: le divergenze parallele