Un volto che ci somiglia: Carlo Levi e l'"umile Italia"