Il Sannita, il gladiatore e il crimen degli intellettuali