I versi ‘sbagliati’ di Omero e la filologia antica