Studioli, vie coperte, gallerie: genealogia di uno spazio del potere