La “costituzionalizzazione” dell’ordinamento