Levinas, Trascendenza e intelligibilità