Il futuro responsabile di Palazzo San Giorgio dev’essere un manager