Eméric Crucé, Il nuovo Cinea