La città come “luogo di cultura”