Il russo ‘della Pepsi e della libertà’: moda linguistica, ideologia o nuovi referenti?