Sanguineti, il Duecento e Dante (e una poesia d'occasione)