Interiorità e trascendenza. La lezione di Sciacca per il terzo millennio