La rivolta antiaustriaca del 1746 viene rievocata, già in antico regime e poi durante il “triennio giacobino”, in forme fortemente retoriche e strumentali. A partire dal 1847, con la “invenzione di Balilla”, le strumentalizzazioni subiscono una accelerazione progressiva che culmina nel ventennio fascista, resistendo a qualunque tentativo di ristabilire la verità storica.

1746. La rivolta antiaustriaca e Balilla

ASSERETO, GIOVANNI
2010

Abstract

La rivolta antiaustriaca del 1746 viene rievocata, già in antico regime e poi durante il “triennio giacobino”, in forme fortemente retoriche e strumentali. A partire dal 1847, con la “invenzione di Balilla”, le strumentalizzazioni subiscono una accelerazione progressiva che culmina nel ventennio fascista, resistendo a qualunque tentativo di ristabilire la verità storica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/256621
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact