Bambini e TV. La percezione dello “straniero”