Il sottile razzismo del film: spacciare per veri i Maya falsi