Potenza o impotenza della soggettività?