Lo scenario complesso che si apre con lo scatenarsi della vera e propria caccia alle streghe viene illustrato da con una articolazione in quattro “episodi” [Val di Fiemme (1504-1506); Valcamonica (1518); Triora (1586 - 1588); Weil der Stadt (1615-1621)] che consente anche al lettore meno informato di meglio comprendere le ragioni sia della collaborazione attiva del popolino (per altro potenziale vittima) nella persecuzione, sia la natura perversa del meccanismo giudiziario che condanna a priori l’imputato senza consentirgli di dimostrare la propria innocenza. Lo studio dà voce, con una testimonianza documentaria pressoché sconosciuta, anche a chi, con coraggio e solitario, denuncia gli orrori dell’iter processuale a opera di giudici di pessima coscienza quali furono quelli che torturarono ferocemente e mandarono al rogo le presunte streghe in Valcamonica. A concludere il processo, anche questo poco studiato, contro la madre di Keplero, Katharine, prosciolta fra infinite difficoltà grazie alla difesa e alle protezioni del figlio; una figura che, alla luce di quel straordinario racconto-trattato che il Somnium seu opus posthumun de astronomia lunare, la filiazione culturale del padre dell'astronomia e dell'ottica moderna; figlio naturale della Strega e figlio putativo del Dotto-Mago-Astronomo.

E FARAI IN MODO CHE NIUNA STREGA VIVA LO SPETTRO DEL NEMICO OCCULTO NELL'IMMAGINARIO COLLETTIVO E LA PERSECUZIONE DI MINORANZE, DIVERSI E CULTURE NON ALLINEATE

ROSSI, PAOLO
2010

Abstract

Lo scenario complesso che si apre con lo scatenarsi della vera e propria caccia alle streghe viene illustrato da con una articolazione in quattro “episodi” [Val di Fiemme (1504-1506); Valcamonica (1518); Triora (1586 - 1588); Weil der Stadt (1615-1621)] che consente anche al lettore meno informato di meglio comprendere le ragioni sia della collaborazione attiva del popolino (per altro potenziale vittima) nella persecuzione, sia la natura perversa del meccanismo giudiziario che condanna a priori l’imputato senza consentirgli di dimostrare la propria innocenza. Lo studio dà voce, con una testimonianza documentaria pressoché sconosciuta, anche a chi, con coraggio e solitario, denuncia gli orrori dell’iter processuale a opera di giudici di pessima coscienza quali furono quelli che torturarono ferocemente e mandarono al rogo le presunte streghe in Valcamonica. A concludere il processo, anche questo poco studiato, contro la madre di Keplero, Katharine, prosciolta fra infinite difficoltà grazie alla difesa e alle protezioni del figlio; una figura che, alla luce di quel straordinario racconto-trattato che il Somnium seu opus posthumun de astronomia lunare, la filiazione culturale del padre dell'astronomia e dell'ottica moderna; figlio naturale della Strega e figlio putativo del Dotto-Mago-Astronomo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/236512
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact