Centralità del reale e nuovi linguaggi