Alcune riflessioni sulla compatibilità tra la teoria dinamica di Harrod e la teoria della crescita vincolata dal commercio con l'estero