Quale stabilità per chi: la giustificazione delle tutele differenziate