Guerra, memoria, scrittura. Il caso italiano