I poeti russi del Primo Novecento erano pervasi da un profondo pessimismo, convinti che fosse vicina la fine della civiltà occidentale. A tale catastrofismo contrapponevano la bellezza dell'antichità classica che per loro costituiva un modello di bellezza e di perfezione insuperabile. Il periodo storico da essi prediletto era quello della crisi dell' impero romano d'occidente.

Antichità mitica e futuro oscuro nei poeti russi del primo Novecento.

REVELLI, GIORGETTA
2003

Abstract

I poeti russi del Primo Novecento erano pervasi da un profondo pessimismo, convinti che fosse vicina la fine della civiltà occidentale. A tale catastrofismo contrapponevano la bellezza dell'antichità classica che per loro costituiva un modello di bellezza e di perfezione insuperabile. Il periodo storico da essi prediletto era quello della crisi dell' impero romano d'occidente.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/217815
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact