La ‘curationum gratia di Martino’: la scienza al servizio del miracolo?