Sull'espressione linguistica dell'idea di santuario nella civiltà classica