Il "nemico" nelle lingue indeuropee