Il mito dell’uomo nuovo e la crisi del marxismo