Vendetta e pena capitale nella narrativa del primo Seicento