L'ideale omnicratico in Aldo Capitini