Weber e il romanticismo politico