Una scomoda «confederazione»: ancora su Baretti e i Gesuiti