Con le sue sei stagioni che Netflix ha distribuito fra il 2014 e il 2020, BoJack Horseman è fra le serie televisive che più hanno segnato lo scorso decennio: è la serie che ha portato l’animazione televisiva al livello di complessità della nuova televisione che ha per emblemi titoli quali Mad Men e Breaking Bad. BoJack Horseman parte da uno stereotipo del cinema d’animazione tradizionale, gli animali antropomorfi, per sovvertire ogni aspettativa degli spettatori, decostruendo i sistemi tradizionali di rappresentazione e narrazione. Se la “ricerca della felicità”, come ha sostenuto il filosofo Stanley Cavell, è la cifra del cinema hollywoodiano, in BoJack Horseman si tratta piuttosto di una ricerca dell’infelicità, che riguarda sia lo stile di vita dei personaggi sia la riflessione sulla loro esistenza. Il tema della ricerca dell’infelicità trova la sua forma congeniale nella temporalità sovrabbondante del medium televisivo, che BoJack Horseman sfrutta magistralmente per contrapporre lo scorrere insensato del tempo oggettivo, il suo procedere implacabile e indifferente dal presente al futuro, alle illusorie deviazioni del tempo soggettivo verso il passato e il possibile.

La ricerca dell'infelicità. Il mondo alla rovescia di BoJack Horseman

Terrone, Enrico
2022

Abstract

Con le sue sei stagioni che Netflix ha distribuito fra il 2014 e il 2020, BoJack Horseman è fra le serie televisive che più hanno segnato lo scorso decennio: è la serie che ha portato l’animazione televisiva al livello di complessità della nuova televisione che ha per emblemi titoli quali Mad Men e Breaking Bad. BoJack Horseman parte da uno stereotipo del cinema d’animazione tradizionale, gli animali antropomorfi, per sovvertire ogni aspettativa degli spettatori, decostruendo i sistemi tradizionali di rappresentazione e narrazione. Se la “ricerca della felicità”, come ha sostenuto il filosofo Stanley Cavell, è la cifra del cinema hollywoodiano, in BoJack Horseman si tratta piuttosto di una ricerca dell’infelicità, che riguarda sia lo stile di vita dei personaggi sia la riflessione sulla loro esistenza. Il tema della ricerca dell’infelicità trova la sua forma congeniale nella temporalità sovrabbondante del medium televisivo, che BoJack Horseman sfrutta magistralmente per contrapporre lo scorrere insensato del tempo oggettivo, il suo procedere implacabile e indifferente dal presente al futuro, alle illusorie deviazioni del tempo soggettivo verso il passato e il possibile.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
La ricerca dell_infelicita_Si_Stampi.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in versione editoriale
Dimensione 1.18 MB
Formato Adobe PDF
1.18 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/1074517
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact